Home > Recensioni > Nedry: Condors
  • Nedry: Condors

    Nedry

    Loudvision:
    Lettori:

Tanta roba!

Dennis Nedry era l’arrogante obesotto che in “Jurrasic Park” veniva avvelenato e successivamente mangiato vivo dai simpaticissimi Dilophosaurus, ve lo ricordate?

I Nedry, appassionati del celebre blockbuster di Spielberg, hanno riutilizzato il nome di quel personaggio cucendoselo addosso sin dalle loro prime uscite live nel 2008. Il trio londinese, nella scuderia della Monotreme Records, è con “Condors” all’esordio discografico, un esordio col botto. In una pressochè perfetta commistione di dubstep, effettistica eterea tutta post rock e indie rock, i Nedry danno vita al proprio sound che ha nella voce di Ayu Okakita, cresciuta a pane e Bjork, l’acme della piacevolezza sonora del gruppo.

La proposta musicale dei Nedry è estremamente camaleontica, a tratti un po’ derivativa (la similitudini vocali tra Ayu e Bjork sono a lungo andare troppo frequenti) ma indiscutibilmente ammaliante e magnetica. In questo disco c’è tutto, dall’elettronica, al rock, alla psichedelia…ed è solo un debutto!

Pro

Contro

Scroll To Top