Home > Recensioni > Nefertum: Revered Lames
  • Nefertum: Revered Lames

    Nefertum

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Black, ma con classe

Disco di esordio di questa band italiana attiva dal 2003, una vera sorpresa!

Un black metal melodico e a tratti sinfonico, caratterizzato da una preparazione tecnica più che buona e una produzione molto attenta ad ogni dettaglio. Mescolano la giusta dose di potenza con melodie ben composte e ben suonate, da sottolineare anche la buona qualità dello scream che è una costante nelle parti cantate.
Si sentono forti echi di gruppi come Dimmu Borgir, Emperor e Arcturus, ma i Nefertum riescono a mantenere quasi sempre una loro identità. Da ascoltare.

Quello che ci stupisce di più è che ascoltando “Revered Lames” a tutto si penserebbe ma non a un album di esordio. Davvero un ottimo lavoro, anche se volendo fare i pignoli l’unico elemento che non convince sempre sono le tastiere, a tratti notevoli e a tratti tendenti al banale. Non che questa sia una grossa pecca nell’insieme, intendiamoci, è piuttosto una piccolezza da sistemare per il futuro.

Pro

Contro

Scroll To Top