Home > Recensioni > Nemesi: L’alba dei morti viventi
  • Nemesi: L’alba dei morti viventi

    Nemesi

    Loudvision:
    Lettori:
    Vota anche tu

Correlati

Cinque contro tutti

Disco di esordio per gli italiani Nemesi, freschi di contratto con la Rude Records.
Album gridato, come vuole il genere hardcore, testi in italiano e alcuni validi spunti dal punto di vista ritmico e melodico. Le canzoni raggiungono l’ascoltatore in modo piuttosto immediato sia per i motivi che per il linguaggio usato.

La sensazione che pervade l’intero album è di un’incazzatura fustrata contro tutto e contro tutti, dove i testi sono in sintonia con la controparte musicale che regge (e anzi innalza) la qualità del lavoro.

I Nemesi sono un’aggiunta potenzialmente valida per il panorama hardcore/nu-metal italiano e la scelta di cantare in lingua madre merita senz’altro menzione perché sempre coraggiosa.

Sempre coraggiosa, ma difficile. E la sfida per i Nemesi non si può dire vinta.
Un grande limite è quello di trattare i temi sempre e solo da un punto di vista (quello del frustrato) e con un linguaggio che rasenta le conversazioni da bar.

Pro

Contro

Scroll To Top