Home > Recensioni > Neodea: Teorema Del Delirio
  • Neodea: Teorema Del Delirio

    Neodea

    Loudvision:
    Lettori:

Seattle soud all’italiana

È sempre troppo rischioso parlare di post-grunge. Ma occorre trovare la giusta posizione per i Neodea, gruppo di Milano che da qualche anno insegue la formazione ideale per presentarsi all’esordio del 2009.

Il titolo del primo disco è “Teorema Del Delirio”: storie da leggere e passi da danzare, ecco cosa propongono i Neodea. Un gruppo che guarda a Seattle come meta del lungo viaggio che li porta, intanto, tra i silenzi di un dolore, tra le righe di una storia d’amore, tra le pareti dell’inconscio, tra i richiami e gli abbandoni.

“Violet” – la chicca dell’album – regala un tocco cinematografico al lavoro, “Madre” merita un ascolto religioso, “Mascara” è invece un esercizio di stile ben riuscito. Insomma, in un genere ben definito resta il gusto della scoperta. Che spesso dimentichiamo.

È probabile che mamma Seattle abbia lasciato orfani troppi figli. Qualcuno però potrebbe portare alto il nome di famiglia. Che sia la volta buona?

Pro

Contro

Scroll To Top