Home > Recensioni > Neronoia: Un Mondo In Me
  • Neronoia: Un Mondo In Me

    Neronoia

    Data di uscita: 01-01-2006

    Loudvision:
    Lettori:

Mi dondolo in un angolo

Neronoia, per la serie “basta la parola”. Un progetto che nasce dall’incontro di due delle entità più oscure del panorama oscuro italiano, cioè Gianni Pedretti dei Colloquio e i Canaan. Nasce già morto, verrebbe da dire: non si trova speranza di alcun tipo nelle note di “Un Mondo In Me”. Dieci brani senza titolo, una musica che si muove a cavallo tra chitarre distorte e riff di matrice Canaan, elettronica gelida e minimale, samples di varia natura. Due anime e due sensibilità differenti che si incontrano, quella rock che emerge nelle strutture e quella dark che la sfoca e la sporca.
Testi criptici, surreali come la musica che li abbraccia, frasi spezzettate che parlano di solitudine, autismo, rifiuto della realtà, ricordi d’infanzia. Rigorosamente in italiano, rigorosamente recitati, nessuna melodia nelle dieci canzoni che compongono “Un Mondo In Me”.

Quella di Neronoia è una musica suggestiva più che descrittiva, per cui risulta difficile parlarne senza (s)cadere nella mera opinione personale e senza macchiare le parole con la propria sensibilità. Per cui accontentatevi di questa breve descrizione di quello che incontrerete in questo viaggio nell’abisso. Non aspettatevi di uscirne vivi, “Un Mondo In Me” non contiene né uno spiraglio di luce né una scintilla di speranza.

Da provare se vi sentite in sintonia con quanto Mauro, Gianni e gli altri Canaan vogliono raccontare, altrimenti il rischio è di annoiarsi a morte o sorridere di fronte a certe esagerazioni. E sarebbe un peccato, perché, checché se ne dica, “Un Mondo In Me” è il frutto sincero della sensibilità di due persone, prima che di due musicisti.

Scroll To Top