Home > Recensioni > Nessuno si salva da solo
  • Nessuno si salva da solo

    Diretto da Sergio Castellitto

    Data di uscita: 05-03-2015

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

A conferma del sodalizio che li lega anche artisticamente, Sergio Castellitto dirige per il grande schermo un altro film tratto da un romanzo omonimo di Margaret Mazzantini, sua moglie, che ne firma la sceneggiatura.

Gaetano (Riccardo Scamarcio) e Delia (Jasmine Trinca), ormai separati, si siedono al tavolo di un ristorante per decidere sulle vacanze dei loro figli, Cosmo e Nico. L’incontro ben presto si trasforma in un pretesto: parole e immagini innescano ricordi, flashback grazie ai quali ripercorrono la loro storia d’amore.

Ad un tavolo vicino, Vito (Roberto Vecchioni) e Lea (Angela Molina), una allegra coppia di anziani, assiste alla scena. Vito intuisce i problemi dei due e interviene chiedendo di pregare per lui, poiché ha il cancro e nessuno si salva da solo.

«Abbiamo pronunciato la nostra parola sulla terra e abbiamo fatto fiasco», la frase dello svizzero Dürrenmatt ricorre nel film, epitaffio ad una elegia del fallimento: di un grande amore, ma anche di una intera generazione, che Castellitto riesce a dipingere bene con tratti intensi, crudi e realistici, grazie anche alla bravura degli interpreti, ad un montaggio intelligente, una colonna sonora che entra a scandire momenti precisi.

Concedendo comunque spazio alla passione, a qualche sorriso e perfino alla speranza, in un finale che lascia intuire la possibilità di una riconciliazione tra i protagonisti. Sono le relazioni infatti che, secondo l’autore, dovrebbero tenerci in vita, nell’ “amore ai tempi della crisi”.

di Nicola Monteferrante

Pro

Contro

Scroll To Top