Home > Recensioni > Never2Late: Between Love And Darkness
  • Never2Late: Between Love And Darkness

    Never2Late

    Loudvision:
    Lettori:

Ehm

Nota: Il titolo del presente articolo prelude a un certo dissenso, quindi siete ancora in tempo ad abbandonare la pagina.

Mirco, Alberto e Teo sono veronesi e amano gruppi del calibro di My Chemical Romance, Three Days Grace e Blink 182.
Il loro primo disco ufficiale, di fatto, è un miscuglio di tali influenze, e nemmeno ben coordinate tra loro.
Sei canzoni “rock”/”punk” sentimentali, in pieno stile adolescenziale: riff intriganti di chitarra elettrica, batteria che cerca di imitare le martellate di Trè Cool (batterista dei Green Day), voce efeba maschile. Ah, e uno screamo da prendere con le pinze.
La morale è che l’LP non ha alcuna peculiarità e che, anzi, risulta un concentrato di roba trita e ritrita.
Serve un salto di qualità.

Nel secondo brano, intitolato “Kissin’ Shadows”, è possibile persino sentire degli errori dal punto di vista della cooperazione tra la parte ritmica e quella armonica. Qualcosa che si dovrebbe evitare quando si registra in studio, si presuppone.
Vedremo prossimamente?

Pro

Contro

Scroll To Top