Home > Zoom > NEW TELLA: l’album d’esordio “Spoon” raccontato brano per brano

NEW TELLA: l’album d’esordio “Spoon” raccontato brano per brano

Tra Genova e Boston. Tra Italia e America. L’equilibrio dei NEW TELLA sembra perfetto. Due ragazzi di Genova, uno di Boston e per il resto la genuina voglia di contaminarsi. Un gustosissimo rock di scuola anni ’70 che attinge senza sconti e senza maschere dai grandi pilastri come Jimi Hendrix, Beatles, The Clash e compagnia cantando. L’esordio si intitola “SPOON” pubblicato dalla BMA Music di Genova. Un piccolo power trio ancora acerbo (forse) ma ricco di energia che piace e restituisce quell’immancabile gusto nostalgico di tempi andati. In rete il video ufficiale del singolo “Kaleidoscope”.

Spoon brano per brano

No Toilet Paper (In the Bathroom (yeah))
Non c’è sempre bisogno di “farla tragica” o “suonarla triste” per dire che le cose non vanno: pur parlando di mancanze di valori e di vuoti dell’anima, il disco rock alla “Lost in the Supermarket” e il ritornello scherzoso creano il contrasto che rende No Toilet Paper speciale.

She’s My Baby
L’eco delle chitarre di Keith Richards e una canzone che parla di Memphis: questa canzone è un tributo-tripudio agli Stones.

Daisies
Da un testo scritto in un delirio febbrile di Max, e un potente riff di chitarra di Pietro, nasce questo pezzo che parla di violenza odierna in ogni sua forma e l’asfissia di chi si trova a vivere in mezzo.

Grains of Sand
Con delle sonorità che vanno dai RHCP a Wes Montgomery, sentire i granelli di sabbia che cadono nella nostra clessidra.

Kaleidoscope
Il primo pezzo da noi composto e il primo singolo dal disco, è nato dal nostro amore per la Psychedelia e l’aria di sogno dolce che ci traspare da questa musica degli anni ’60.
newtella cover album
Walking Shoes
Il ghost track dell’album, dopo aver visto “O Fratello Dove Sei”, abbiamo voluto inserire un frammento del passato fra le canzoni del nostro disco. Con Max e Pietro è Maurizio “lo Zio” Cassinelli.

Mary Don’t You Wanna
Crescendo in mezzo a ragazzini che dopo due canne si sentivano Baudelaire, Mary nasce da quello che vivevamo dal cortile del nostro liceo ai vicoli di Genova, giocando con intento alla Clash.

Nicoteen
Una ballata che canta di un amore adolescenziale nato morto e i consequenziali inizi di un giovane fumatore, Nicoteen è il nostro omaggio alle melodie e suoni caldi di chitarra dei Sixties.

Outside
Frutto di diversi Jam nella sala prove in una cantina medievale, è un rock sporco che parla di evasione da situazioni claustrofobiche.

C’est La Vie (C’est la Merde)
Titolo è il detto francese deformato con le vibrazione degli anni ’90 americani.

Spinning Wheel
L’ultimo pezzo di Spoon ad essere stato composto è anche l’ultimo ad essere stato registrato. E’ stato per noi il lavoro più intenso del disco: il testo è stato scritto mentre Max era in hiatus negli Stati Uniti. La canzone parla dell’attimo fuggente dell’innamoramento.

Scroll To Top