Home > Recensioni > Nexus: Firesound
  • Nexus: Firesound

    Nexus

    Loudvision:
    Lettori:

Gli infuocati tortellini veneti

Il CD d’esordio di questa band veneta, bisogna ammetterlo, non è niente male. Come recita orgogliosamente la bio di presentazione tutto è stato registrato su nastro in analogico, in perfetta tradizione vintage rock n’ roll.

C’è addirittura un ospite d’eccezione come..ehm..Bobby Solo che canta “El Cigarillo”, brano assolutamente tra i migliori del lotto con tanto di fiati a scandire il ritornello blues ed un finale tex-latino alla Tito & Tarantula.

Qualcosa va senz’altro migliorato nella proposta della band in modo da rendere le song veramente memorabili, ma con un esordio del genere i progressi non tarderanno certo a venire.

Divertente, vario, maturo, ottimamente suonato e composto. Bel disco, con l’unica pecca, a volte, di essere leggermente anonimo sia a livello sonoro che vocale. Il guizzo di genialità si intravede però in coraggiose commistioni indie-rock-quasi dance come “Bombin’ Teheran”, a parere di chi scrive, forse, il brano migliore del prodotto.

Pro

Contro

Scroll To Top