Home > Recensioni > Niagara: Hyperocean
  • Niagara: Hyperocean

    Monotreme Records / Goodfellas

    Data di uscita: 29-04-2016

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

“Hyperocean” è il terzo lavoro in studio per i Niagara (uscito il 29 aprile 2016), band torinese nata ufficialmente nel 2007 e che dell’elettronica ha fatto sin da subito il proprio marchio di fabbrica, testimoniato soprattutto dalla produzione (in 10 anni!) di ben 5 EP e 2 album. A due anni di distanza dal fortunatissimo “Don’t Take It Personally”, il duo formato da Gabriele Ottino e Davide Tomat, arricchito per l’occasione dalla sezione ritmica di Paolo Scapazzoni, torna con un vero e proprio concept che funge essenzialmente da colonna sonora per un mondo immaginario, caratterizzato da veri e propri campionamenti subacquei realizzati (non a caso) attraverso l’utilizzo di idrofoni.

Undici brani che accompagnano l’ascoltatore (tra discese e risalite) in una vera e propria immersione “placentare”, dove le sonorità sfiorano quasi vecchi profeti dell’elettronica come Radiohead e Massive Attack (con meno “umori pop”). Dalla prima traccia “Mizu” fino all’ultima “Alfa 11”, passando per brani squisitamente krautorock come “Blackpool” e altri dal registro pop più trascinante come “Fogdrops”, “Escher Surfers” e “Solar Valley”, l’album scorre interamente in maniera “liquida” regalando di fatto un’esperienza sensitiva interessante.

“Hyperocean”, per gli addetti ai lavori, conferma senza problemi la credibilità e il prestigio che i Niagara si sono guadagnati anche a livello internazionale. Per i meno predisposti il consiglio è di provare a mettere su le cuffie almeno una volta.

Pro

Contro

Scroll To Top