Home > Recensioni > Niels Duffhuës: Songs Of Mystery & Other Tales
  • Niels Duffhuës: Songs Of Mystery & Other Tales

    Niels Duffhuës

    Data di uscita: 01-01-2008

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Il gigante buono

Reduce dalle importanti esperienze metal e rock, il solista olandese torna alla ribalta con un LP dai toni cupi e noir, degno di un film giallo anni ’20.

Sicuramente il panorama folkloristico e fiabesco dei paesi nordici ha influito consistentemente sull’artista, che non a caso ha scelto un titolo parlante per il proprio lavoro. È così che nei quaranta minuti di registrazione si passa dagli accordi orientali di “Secret Room” al vigore vocale, simile a quello di Nick Cave, in “In The Town Of Avalanche”.

Il tutto è corredato con saggezza da un’ammirevole sodalizio tra strumenti d’orchestra sinfonica ed un timbro di voce temprato dalla durezza e dalle difficoltà della vita.

Le nove tracce si presentano perfettamente coerenti l’una con l’altra, lasciando una duplice chiave di lettura per l’interpretazione personale. Prese singolarmente, infatti, narrano piccoli tranci d’esistenza autonomi fra loro; ma se coesi e cuciti in modo tale da formare un’unica trama, stendono ai piedi dell’ascoltatore un sentiero che porta da un capo all’altro di un angolo di mondo amplificato dalle liriche malinconiche e struggenti.

I violini ed i violoncelli dialogano con la batteria, il cui suono è attutito dall’uso delle spazzole, mentre Niels duetta con voci femminili creando amalgame di notevole suggestione – “Hotel Vast Horizon” ne è l’esempio più eclatante.

Pro

Contro

Scroll To Top