Home > Recensioni > Lo sciacallo – Nightcrawler
  • Lo sciacallo – Nightcrawler

    Diretto da Dan Gilroy

    Data di uscita: 13-11-2014

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Se prima era il mestiere del paparazzo a suscitare il disprezzo e la nausea dei benpensanti, aspettate di conoscere il mestiere del “nightcrawler”, lo sciacallo del giornalismo. Quella sensazione di disturbo che dà la cronaca nera non è già dei delitti che racconta, ma sta a monte. Quello è il territorio che Dan Gilroy, sceneggiatore della premiata famiglia Gilroy al suo debutto da regista con “Nightcrawler“, presentato al Festival Internazionale del Film di Roma 2014, ha deciso di esplorare con il suo compagno di marachelle Jake Gyllenhaal, che interpreta il protagonista ma che ha da subito abbracciato anche la produzione del film.

Gyllenhaal è Lou Bloom, giovane imprenditore di se stesso che, davanti a un cruento incidente stradale, ha un’illuminazione: filmarla e rivenderla a eventuali compratori. Scopre che di compratori ce n’è eccome, e anzi smuovono un florido mercato. Ispirato da corsi di autoaiuto seguiti online, vede questa opportunità come una possibile carriera, e scopre di avere un talento prezioso non solo nel riconoscere e inseguire la “notizia”, ma anche nel negoziare il suo valore. Controparte di questa trattativa è la dirigente televisiva Nina Romina (Rene Russo), che lo sprona e lo indirizza, bisognosa di materiale scottante per la sua rete tv in calo di ascolti.

La performance di Jake Gyllenhaal centra perfettamente la personalità alienata e fredda dello sciacallo, senza mai cedere alle lezioni di morale che pure gli arrivano da tutti gli altri personaggi. L’ottima regia e montaggio dei gemelli Dan e John Gilroy è al servizio di momenti adrenalinici (con un immancabile, fantastico, inseguimento) come di momenti di tensione e horror psicologico.

Pro

Contro

Scroll To Top