Home > Recensioni > Nihil Est: Nuvole Notturne
  • Nihil Est: Nuvole Notturne

    Nihil Est

    Loudvision:
    Lettori:

Cumulonembi

Partorito nel 2005, il progetto intitolato letteralmente “Nulla è” viene rappresentato dai lombardi Luca (chitarra solista), Vito (voce), Domenico (seconda chitarra), Viola (synth e cori), Nicolò (batteria) ed infine Jacopo al basso, la new entry risalente al 2009.
Costruito su un dialogo tra differenti stili ed influenze, il rock della band milanese risulta originale fin dal primo ascolto, grazie al sapiente uso degli arrangiamenti e alle linee armoniche adottate.

Un po’ sperimentazioni, un po’ esercizi di creatività, le nove canzoni parlano al pubblico in modo semplice e diretto, senza esagerare in pathos o, al contrario, in rozzezza.
Quel che rimane è una voce normale, umana, circondata da strumenti ben maneggiati.

Questo lavoro, preceduto da un demo di quattro pezzi registrati ai Downtown Studios di Pavia, dimostra come in Italia i talenti ci siano, sebbene soppiantati ed incompresi. Il sestetto nostro compaesano, di fatto, si sa ben muovere intorno alla folktronica e all’acustica, ma pare che la penisola non sia ancora pronta ad accettare uno stravolgimento nell’ambito musicale.
“Dieci Minuti Al Telefono”, sicuramente, sarà meglio di qualunque sviolinata “made in Gigi D’Alessio”.

Pro

Contro

Scroll To Top