Home > Recensioni > Nirvana 2002: Recordings 89-91
  • Nirvana 2002: Recordings 89-91

    Nirvana 2002

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Recordings 89-91

Un album molto carico, classico death metal svedese, per la verità. Gli amanti del genere ne impazziranno; chi, invece, solo simpatizzza, probabilmente gradirà solo le prime tracce, più curate e tutto sommato gradevoli. Il gruppo è assolutamente da ascoltare perché un culto (rimasto sempre un po’ nascosto rispetto ad altre band ben più conosciute) nella storia del death, e importante corollario a band quali Entombed, Dismember, Grave e Unleashed.

L’album è fatto per lo più di tempi veloci e doppia cassa, con chitarre distorte a motosega, alternati a rallentamenti che spesso inglobano delle linee soliste per rendere macabro il pezzo. Si abusa di growl e i tempi accellerano al punto di arrivare al blast beat e al thrash punk.

Purtroppo, la seconda parte dell’album contiene tracce inedite la cui qualità di incisione lascia parecchio a desiderare, risultando nella maggior parte dei casi ovattata (terribili “Physical Excursion/Truth And Beauty” e “Brutality”). Il che fa perdere molta della godibilità dell’album. Certamente i Nirvana 2002 non possono piacere a tutti, chi non è abituato a questo genere musicale li troverà rivoltanti… vi abbiamo avvisati!

Pro

Contro

Scroll To Top