Home > Recensioni > No Age: Losing Feeling EP
  • No Age: Losing Feeling EP

    No Age

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Indie kings

Si cosparga il capo di cenere chi non ha ancora sentito parlare dei No Age, una delle più eclatanti scoperte del panorama indipendente di questi ultimi due anni, creatori di un sound unico, differente, estremamente innovativo pur mantenendo le radici ben salde nel terreno da cui prende movimento.

Il duo ridisegna in maniera agile e dinamica il noise attraverso lo shoegaze, traccia una nuova linea di contatto tra la musica indie e le sonorità lo-fi. Tratto fondamentale che contraddistingue l’espressività dei No Age è la radicale spontaneità del loro fare musica, l’anti-intellettualismo del loro approccio che deriva probabilmente dalle precedenti esperienze del gruppo e dall’atipicità della loro formazione, che richiede automaticamente un attacco laterale al genere, piuttosto che una ripresa o una riproposizione qualsiasi.

L’EP “Losing Feeling” traccia in sole quattro canzoni i contorni di una piccola summa dello spirito del gruppo, consentendo anche ai nuovi ascoltatori un ingresso abbastanza agevole al culto del gruppo vista l’insolita orecchiabilità delle tracce. A lasciar il segno possono bastare la title track, tipico esempio delle sonorità liquide se non proprio aeree che contraddistinguono il duo, stemperate in un piccolo gioiello di orecchiabilità indie, e il bello strumentale “Aim For The Airport”. A concludere l’EP, “You’re a Target”, che svela l’altra faccia del gruppo, fatta di distorsioni, con brani più rapidi di derivazione punk.

Il lavoro non rappresenta un picco nel già lungo percorso del duo e neppure un passaggio verso nuove derive: ribadisce semplicemente come i ragazzi stiano pienamente meritando l’autorità che stanno guadagnando nel settore e continua a porre lo standard per una nuova qualità del cosiddetto indie.

Un piccolo riassunto, un Bignami del lavoro che i ragazzi han compiuto negli ultimi anni, un’efficace semplificazione delle tante commistioni tra generi differenti che i due stanno sperimentando dall’inizio della loro bizzarra attività. Spontaneità al servizio della genialità.

Pro

Contro

Scroll To Top