Home > Recensioni > No Surrender: Medicine Babies
  • No Surrender: Medicine Babies

    No Surrender

    Loudvision:
    Lettori:

Televisione in radio

Milioni di contaminazioni si sono date appuntamento nel nuovo album dei No Surrender. Elettronica, rap e cadenze rockettare sono gli elementi base che compongono “Medicine Babies”.

L’uso del PC porta con sé la distorsione che fu tanto cara ai Primal Scream nei loro momenti più elettronici. Con l’aggiunta del cantato sotto forma di rap si ottiene una miscela che rende particolare questo progetto, che promette bene sin dagli ottimi disegni della confezione.

Se la smetteste di ascoltare solo musica e qualche volta accendeste anche la televisione, scoprireste che nel collettivo No Surrender compare anche Eddie Steeples, il bizzarro Darnell Turner (a.k.a. Gamberone) della serie televisiva “My Name Is Earl”.
Eh già: schermo e stereo si uniscono ancora una volta. Essere famosi almeno in una delle due cose agevola alla grande, soprattutto perché si fanno conoscenze che possono portare ad avere, nel tuo CD, ospiti del calibro di Tunde Adebimpe dei Tv On The Radio. In questo caso il nome del gruppo è più che mai azzeccato.

Pro

Contro

Scroll To Top