Home > Recensioni > NoGuRu: Milano Original Soundtrack
  • NoGuRu: Milano Original Soundtrack

    NoGuRu

    Loudvision:
    Lettori:

Testimoni

Parlando dei NoGuRu non si può solo cercare di descrivere musica, canzone dopo canzone. Bisogna soprattutto raccontare la storia di note suonate in una certa maniera solamente perché dietro sono state vissute epoche, persone, promesse che hanno reso possibile l’attuale incarnazione dei singoli componenti dei NoGuRu in fondamentali pilastri stregati mai dimenticati.

Ci siamo dentro eccome, gli anni ’90 non riescono ad abbandonare le nostre paure, la nostra rabbia che reclama quel sound che ci riempiva e ancora lo continua a fare grazie anche a questo album, emblema di una città.

Le chitarre graffianti la vincono in ogni traccia, ma la guerriglia è combattuta anche da un ottimo sax che ricorda spezzoni di film alla David Lynch.

“…Come una canzone dei Joy Division…” Questa è una frase tratta della canzone “Mare Divano”, numero 10 dell’album. Parole avvolte da modestia visto che qualcuno tra un po’ di anni potrebbe incidere una canzone intitolata “…Come una canzone dei Ritmo Tribale…” E qui parte della storia, quella della musica italiana, potrebbe chiudere un altro dei suoi innumerevoli cerchi.

I NoGuRu, tranne Xabier Iriondo, sono stati componenti dei Ritmo Tribale che in un riflesso passato brillavano di luce propria e ora che un altro cerchio si è aperto, il nome nuovo nel loro cuore è NoGuRu, senza scordare però di ringraziare chi gli ha coperto le spalle fino a oggi.

Pro

Contro

Scroll To Top