Home > Recensioni > Noize Machine: The Jumping Clown
  • Noize Machine: The Jumping Clown

    Noize Machine

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Un uomo, la sua chitarra e un pugno di amici

Dario Mollo alla chitarra, Guido Block al basso, Roberto Gualdi alla batteria e Andrea “Mitzi” Dal Santo alla voce. Ecco chi sono i Noize Machine.

“The Jumping Clown” è il disco di esordio del combo, e ben promette in un panorama italiano nel quale raramente emerge una tale sincerità di intenti. Un hard rock rispolverato e reinterpretato in una dimensione che di contemporaneo ha quasi tutto quello che serve e che si porta appresso tutte le sfaccettature proprie di chi, di musica, ne ha ascoltata e fatta parecchia. Melodia e contaminazione sembrano essere le parole chiave e si esplicano nei riff fragorosi che disegnano motivi melodici, nella particolare attenzione agli arrangiamenti, nella sezione ritmica affiatata e spesso funkeggiante e nell’interpretazione vocale in bilico tra ruggiti e vocalizzi.

Dagli anni di Van Halen e Europe a quelli dei Faith No More, questa è la matrice nella quale si inseriscono le undici tracce di “The Jumping Clown”. La spontaneità, il piacere ludico e l’evidente soddisfazione dei membri fanno tutto i resto.

Scroll To Top