Home > Rubriche > Music Industry > Non condannate Google per l’intenzione

Non condannate Google per l’intenzione

Mediaset ci aveva preso gusto, ma questa volta non ce l’ha fatta contro Google: il Tribunale di Roma ha rigettato il ricorso dell’emittente televisiva con cui quest’ultima chiedeva l’interdizione, nei confronti del motore di ricerca, a pubblicare gli incontri di calcio del campionato italiano di serie A.

In particolare, RTI aveva citato in giudizio Google per violazione del copyright, perché un utente, sul proprio spazio “Blogger” (di proprietà Google), aveva trasmesso in streaming le partite in onda sui canali di Mediaset.

A seguito della richiesta di rimozione del contenuto, il motore di ricerca aveva ottemperato all’invito, cancellando ogni violazione dell’altrui diritto d’autore da Blogger. Ciò nonostante è stato citato in giudizio da Mediaset affinché gli venisse posto a carico, anche “per il futuro”, l’obbligo di sorvegliare e impedire comportamenti simili.

L’articolo prosegue per “La Legge per tutti” a questo indirizzo

Scroll To Top