Home > Recensioni > Numero6: Dio C’È
  • Numero6: Dio C’È

    Numero6

    Data di uscita: 12-10-2012

    Loudvision:
    Lettori:

I supereroi sono sempre in mezzo al traffico

Se il cuore della musica anglofona è la capacità di musicare versi non sempre ricchi, è invece tutta italiana la sapiente costruzione di testi con più di cinque parole differenti.

Forse non sempre, ma i Numero 6 sono quell’eccezione nostrana che sarebbe opportuno ricordare quando si parla di pop.

“Dio C’è” è l’ultimo lavoro in studio della squadra di Michele Bitossi, quinto di una carriera passata tra concerti e compilation. Tredici tracce bagnate in un ironico romanticismo che porta ormai il marchio di fabbrica del quintetto che tifa Genoa.

Numeri a parte, “Dio C’è” è un disco consapevole, nel quale non c’è spazio per titubare. Chiamatela maturità, o come vi pare, ma ciddì è da consumare.

Dalle iniziali “Mi Arrendo” e “Low Cost” fino a “Storia Precaria”, passando per la titletrack e ” ’66”, le tracce di “Dio C’è” sono la colonna sonora di una vita qualunque, in provincia o in città. A venti come a cinquant’anni.

Ascoltare l’album ti butta dunque nella vita di supereroi, di quelli che sbucano sempre da una vita anonima, grigia e piena di traffico. Proprio come la mia. E quella di tutti voi che state leggendo.

Pro

Contro

Scroll To Top