Home > Recensioni > Nymphomaniac: Volume I
  • Nymphomaniac: Volume I

    Diretto da Lars von Trier

    Data di uscita: 03-04-2014

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Lars Von Trier torna nelle sale italiane con una versione ridotta del suo nuovo, provocatorio film, diviso in due distinti lungometraggi. “Nymphomaniac: Volume I” narra i primi cinque capitoli dell’incontro tra Joe (Charlotte Gainsbourg) e Saligman (Stellan Skarsgård), un solitario amante della pesca dalla profonda cultura musicale che trova la donna riversa in un vicolo senza sensi, dopo un pestaggio, e decide di ospitarla in casa propria. Joe racconterà all’uomo la sua vita da ninfomane, dalla tumultuosa adolescenza fino all’età di 50 anni. Nei primi quattro capitoli presenti nel primo volume, Joe racconta dell’adolescenza senza freni, del suo primo amore, del distacco dal padre e dell’intensificarsi della sua ninfomania.

Premessa necessaria: difficile capire il senso di un film, comunque piuttosto esplicito, tagliato nel suo totale di oltre un’ora e mezzo, presentato in un’edizione dal montaggio irrimediabilmente compromesso dall’opera di taglia e cuci. Detto questo, Von Trier è ancora immerso nella cupa ironia depressa che permea gli ultimi lavori. Il suo tocco autoriale funziona a tratti; talvolta è efficace e provocatorio (i montaggi con i numeri, le interruzioni di Saligman, le variazioni musicali), talvolta invece sfocia nel ridicolo. Curiosamente però l’apice del film è proprio il capitolo più castigato, quello dedicato al padre di Joe.

Pro

Contro

Scroll To Top