Home > Recensioni > Of Montreal: Hissing Fauna, Are You The Destroyer?
  • Of Montreal: Hissing Fauna, Are You The Destroyer?

    Of Montreal

    Loudvision:
    Lettori:

The Dark Side Of The Sun

Sorpresa: la vita non è tutta rose e fiori nemmeno per Kevin Barnes, leader e mente di quegli Of Montreal che da sempre ostentano una solarità gaia e surreale che va a braccetto con la psichedelia, rimpinzandosi di suoni, campionamenti, ritmi ballabili. E invece pare che il buon Kevin abbia attraversato un periodo buio: costretto a trasferirsi in Norvegia per motivi familiari, è entrato in uno stato depressivo che lo ha portato alla separazione dalla compagna. “Hissing Fauna” è la cronaca di quei momenti, narrati con liriche taglienti e impietosamente intime; ma ciò che stupisce è che questo oscuro stato d’animo non si accompagna a malinconiche ballate, bensì a quelle amene sonorità electropop-psichedeliche con cui Barnes ha sempre giocato (dopotutto sono gli Of Montreal, non i Mountain Goats). In altre parole, Barnes si sviscera nell’unico modo che conosce, ed ottiene un risultato sorprendentemente profondo; è come se il subbuglio di synth e i frenetici arrangiamenti degli Of Montreal fossero sempre stati inconsciamente espressione di un’ansia e di un’inquietudine che soltanto adesso escono davvero allo scoperto. Ed ecco che il motivetto vergognosamente orecchiabile di “Heimdalsgate Like A Promethean Curse” nasconde in realtà una richiesta d’aiuto e l’ammissione dell’uso di antidepressivi; mentre nella funkeggiante “Gronlandic Edit”, Barnes esprime tutta l’inadeguatezza della religione di fronte al suo malessere. Molti i pezzi degni di nota, quasi tutti capaci di penetrare l’animo dell’ascoltatore attento al di là della complessità stratificata della produzione; spicca tra questi la lunghissima “The Past Is A Grotesque Animal”, dove un Barnes al top della disperazione si mette completamente a nudo tra un tripudio di suoni elettronici e un’ipnotico, salmodiante riff di basso: l’effetto è quasi catartico. Per la cronaca, pare che le vicissitudini sentimentali di Barnes abbiano avuto un lieto fine: che la pop-terapia d’urto di “Hissing Fauna” abbia funzionato?

Scroll To Top