Home > Recensioni > Ofeliadorme: Sometimes It’s Better To Wait
  • Ofeliadorme: Sometimes It’s Better To Wait

    Ofeliadorme

    Loudvision:
    Lettori:

Un’innovativa band di rock acustico

Nel 2007, a Bologna, nascono gli Ofelia Dorme: Gianluca Modica e Francesca Bona, ai quali si aggiungono successivamente Tato Izzia e Michele Postpischl, che entrano definitivamente nella formazione. Con loro, la band può sperimentare cose nuove, come la possibilità di scambiarsi gli strumenti, sia sul palco che in studio di registrazione.

Dopo alcune partecipazioni a contest e compilation, “Sometimes It’s Better To Wait” è il loro primo EP: sei canzoni che racchiudono il loro stile, la perfetta voce di Francesca Bona e le armonie create dai vari strumenti.
Agli Ofelia Dorme piacciono le chitarre: lo si sente in “New Pieces Of Science”, canzone in cui la voce di Francesca risalta quasi si trattasse degli Yeah Yeah Yeahs acustici, e nella dolcissima “To Wait”.
Ma in genere, in ogni pezzo dell’album si fa un grande uso di chitarre dagli echi radioheadiani, con la batteria a scandire a ritmi lenti un rock acustico di matrice inglese.

Non devono fare fatica per piacere: gli Ofelia Dorme incontrano alla perfezione le preferenze musicali di molti, regalando un ascolto più che soddisfacente. Apprezzeranno in particolare gli appassionati di musica inglese, ravvisando alcune somiglianze con le produzioni elettroacustiche e il brit rock che hanno contribuito alla formazione musicale di molti là fuori (e probabilmente anche quella degli Ofelia Dorme).

Pro

Contro

Scroll To Top