Home > Recensioni > ohGr: Devils In My Details
  • ohGr: Devils In My Details

    ohGr

    Loudvision:
    Lettori:

Il diavolo fa le pentole, i coperchi e i laptop

Per chi non lo conoscesse, Nivek Ogre era il cantante degli Skinny Puppy. Per chi non conoscesse gli Skinny Puppy, basti dire che senza di loro probabilmente non avremmo avuto Nine Inch Nails, Ministry, Rammstein e, in generale, quel suono che fonde rumori industriali, elettronica, ritmiche danzerecce.
Da qualche anno (2001, per la precisione) Ogre ha messo in piedi un altro progetto, chiamato ohGr, che giunge con “Devils In My Details” al quarto album in studio. Molto più che un semplice side project, tanto più che il suono degli ohGr si discosta da quello della band madre. Meno apocalittico e più morboso, forse anche più attento alla sperimentazione e alla contaminazione con generi collaterali.

Tutte queste belle considerazioni passano in secondo piano di fronte ai primi momenti di “Devils In My Details”, una terrificante tirata industrial-truzzoide con tanto di vocetta filtrata che riporta alla mente il peggior Reznor degli ultimi tempi. Il diavolo è nei dettagli, amico Ogre, e iniziare un disco nel peggiore dei modi è molto più di un dettaglio – è un errore grossolano, che rischia di far passare la voglia di ascoltare il resto del lavoro.
Fortunatamente la pazienza è un altro dettaglio importante per ogni amante della musica che rifugga la superficialità, e infatti il resto del disco si evolve in maniera decisamente più interessante.

“Devils In My Details” è un disco cupo, malato, perverso, fatto di melodie oblique e richiami all’ambient music più cupa, con sprazzi di Aphex Twin e parti parlate che contribuiscono ad aumentare la compattezza concettuale del lavoro.
Non mancano qui e là le tamarrate industrial-pestone sulla scia di “Shhh”, che purtroppo non funzionano (quasi) mai come dovrebbero e fanno calare la tensione generale. Se però siete in grado di ignorare questi difettucci, “Devils In My Details” potrebbe risultare perfetto per saziare la vostra voglia di cybermalattia. Sicuramente vale più la pena ascoltare questo disco che gli ultimi lavori a nome Skinny Puppy.

Scroll To Top