Home > Recensioni > OK GO: Of The Blue Colour Of The Sky
  • OK GO: Of The Blue Colour Of The Sky

    OK GO

    Data di uscita: 29-01-2010

    Loudvision:
    Lettori:

C’erano una volta quattro ballerini…

Se ora i vostri minuti sul tapis roulant sono più felici, il merito è tutto degli Ok Go. Sì, quelli dei balletti sgraziati che hanno fatto ridere mezzo mondo.

Ora cambiano abito e sfogliano un saggio del 1876 per prendere il titolo del terzo lavoro in studio: “Of The Blue Colour Of The Sky” somiglia ad una mutazione, ad un’inversione di stile, ma col passar delle tracce ci lascia intendere che l’indole della band è probabilmente questa. Frivola quanto basta per fare dei video ironici e dei balletti scoordinati solo il contorno delle loro intenzioni musicali. Gli spunti stavolta sono Prince e gli anni Ottanta, le acconciature Seventies o la Londra di inizio anni Novanta che supportano un sound gradevole e mai banale. Bocciati, invece, i balli da mattonella come “While You Were Asleep”.

Niente paura, Damian Kulash e soci non perdono le buone abitudini: su YouTube non solo è cliccatissimo il video del primo singolo “WTF?”, ma la band di Chicago ha ben pensato di filmare anche un making of. Giusto per farci divertire un po’. E per farsi riconoscere.

Pro

Contro

Scroll To Top