Home > Recensioni > OLD: Who’s Who?
  • OLD: Who’s Who?

    Adrian Recordings / none

    Data di uscita: 28-01-2015

    Loudvision:
    Lettori:

Secondo EP per il trio svedese tutto al femminile OLD: stavolta si tratta di “Who’s Who?”. L’influenza della musica hip hop continua a farsi sentire, ma l’indie e l’electro ci sguazzano talmente bene che i quattro pezzi della band ricordano abbastanza l’operato dei brasiliani Cansei de Ser Sexy (ovvero i CSS).

L’apertura al sapore di miele, soft e poppettosa, è lasciata a “Bird”, brano semplice e orecchiabile, che entra subito in testa e la fa muovere a ritmo. Il testimone viene consegnato poi a “Hormones”, pezzo che invece ha una spiccata vena ironica (“Hormones stole my sex life”, recita il ritornello) e pare strizzare l’occhio al movimento riot grrrl, con particolare attenzione per gli statunitensi Le Tigre.

Si passa dunque alla terza canzone, intitolata “Dude”, più decisa e aggressiva rispetto alle due precedenti. Proprio qui lo spirito dei CSS si fa sentire, sia per gli effetti sonori elettronici che per la cassa danzereccia. La differenza fondamentale la fa la parte del cantato, caratterizzato dai cori delle tre voci femminili. A chiudere il sipario è “Personally”, traccia fortemente figlia degli anni Ottanta (vedi sax) e dei synth tanto amati all’epoca, ma anche degli anni Novanta per quanto concerne la ritmica in alcuni tratti.

I quattro brani che costituiscono l’ep fanno il caso di chiunque voglia ascoltare qualcosa di giocoso, irriverente e orecchiabile, senza troppe pretese. Sicuramente non si può dire che con questo lavoro le OLD abbiano dato origine a grandi innovazioni, tuttavia la sufficienza è più che meritata.

Pro

Contro

Scroll To Top