Home > Recensioni > Om: Decapitalismo
  • Om: Decapitalismo

    Om

    Loudvision:
    Lettori:

Ritmi contaminati e suggestioni d’autore

“Decapitalismo” è il nuovo album degli Om, formazione folk rock palermitana. Contiene dieci inediti tra musica folk, filastrocche ai limiti del non-sense e sperimentazione noise elettronica.

L’album, il terzo della band siciliana, nasce da una fitta rete di collaborazioni importanti tra cui Malintenti Dischi, l’etichetta indipendente che ne ha curato la pubblicazione, e il Conservatorio “V. Bellini” di Palermo, che ne ha in parte finanziato la produzione.

“Decapitalismo” si rivolge ad un pubblico eterogeneo, che ama essere spiazzato e piacevolmente conquistato; sottolinea la decadenza postmoderna e testimonia una ricerca di sonorità rock primitive e graffianti.

Suggestioni musicali e cinematografiche a gogò, argomenti attuali e dal sapore sociale, canzone d’autore ma anche suoni rock, tanto folklore e ritmiche sperimentali. Si fa prima a dire cosa non c’è in questo album, davvero eterogeneo e variopinto. Al fruitore non resta altro che l’ascolto e una predisposizione verso un genere di musica che rifugge ogni tipo di etichetta.

Pro

Contro

Scroll To Top