Home > Recensioni > Oracles: Have A Nice Trip
  • Oracles: Have A Nice Trip

    Oracles

    Loudvision:
    Lettori:

Tradizione rock

Ci sono modi di suonare che non moriranno mai nel tempo. Rimangono indelebili negli anni senza troppi cambiamenti.
Il rock degli italiani Oracles è un timbro già sentito e sfibrato ma la tecnica ottima, durante l’ascolto delle track, fa rinascere in pieno il nostro spirito rock.

Grezzo nel suono delle chitarre, tagliente nella voce di Lior Kneazir, Have A Nice Trip è un classico fottuto album rocknrolla, utile come colonna sonora di fughe spericolate dalla polizia o energetico compagno di viaggio per la strada dritta e polverosa che porta a Las Vegas.

Non mancano anche l’abbozzo di ballate, che più di tanto non riescono a smielare l’ambiente fin troppo rock.

La durata complessiva dell’album è talmente minima che è naturale domandarsi se la vena creativa manchi o se sia un modo di presentarsi al pubblico senza disturbare più di tanto, mettendo le canzoni meglio riuscite.

Nel dubbio, ci dobbiamo accontentare di un lavoro classico che non vuole stravolgere niente ma solo portare avanti una tradizione rock.

Pro

Contro

Scroll To Top