Home > Recensioni > Ossi Duri: Senza Perdere La Tenerezza
  • Ossi Duri: Senza Perdere La Tenerezza

    LaZaRiMus Records / andromeda distribuzioni

    Data di uscita: 04-12-2013

    Loudvision:
    Lettori:

Qualche giorno fa, vi abbiamo presentato il nuovo progetto degli Ossi Duri. Qui trovate il link con la rubrica dedicata.

Adesso invece vi parliamo di uno dei tre dischi, pubblicato all’interno di questo nuovo progetto. Si tratta di “Senza Perdere La Tenerezza”, l’album completamente composto da inediti. Dopo aver viaggiato in compagnia di Zappa e aver omaggiato la scena prog italiana, la band fa esperienza di quello che ha imparato da questi grandi maestri e cerca di descrivere e rappresentare la realtà che ci circonda. Un sound più duro rispetto alle produzioni precedenti, forse specchio di una realtà che è diventata più incomprensibile e soffocante.

Sono tanti gli argomenti che a valanga confluiscono in questo disco. Si parte dalla TAV, una delle tematiche più vicine a loro, che viene affrontata nel brano “Mozzarella Trafelata”, con la voce di un incontenibile Freak Antoni. Per associazioni di idee si passa al rapporto con la polizia in “Ragazzo Poliziotto”. I temi dell’economia e del capitalismo sono visti in tutta la loro ironia e si caricano di significati grotteschi. Tuttavia, citando il Che, la tenerezza rappresenta l’unico antidoto per essere in grado di affrontare i problemi. È la bellezza degli occhi della propria amata, che da la forza di andare avanti, come ci cantano in “Senza I Tuoi Occhi”.

Pro

Contro

Scroll To Top