Home > Recensioni > Ottavia Brown: Infondo
  • Ottavia Brown: Infondo

    Autoprodotto / none

    Data di uscita: 23-09-2016

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Album d’esordio autoprodotto che uscirà il 23 settembre, Infondo è il frutto dell’immaginazione creativa di Ottavia Brown – nome d’arte di Ottavia Bruno – cantautrice e illustratrice, sotto la direzione artistica di Marco Franzoni registrato negli studi Blueffemme Rec di Brescia. Un disco costruito con estrema accuratezza nell’architettura delle sue melodie e arrangiamenti, con una scelta di stile immediatamente riconoscibile ispirata al mito d’oltreoceano degli anni ’40 e ’50, che fece sognare e suonare anche l’Italia del dopoguerra con lo swing, il jazz, il blues.

In un amalgama che attinge al nostro immaginario comune della Vecchia America, non mancano le assonanze col “rock di frontiera”, che ci ricordano le colonne sonore “spaghetti-western”, tema già caro anche a Capossela (non per niente è presente nei brani “Infondo” e “Il Mio Cuore Va E Lo Perderò” anche il contributo di Alessandro Asso Stefana, chitarrista di Vinicio) e ai californiani Calexico. Su questi sfondi a volte un po’ folk, a volte più noir, da ambienti scuri e fumosi (come nella track finale Il cacciatore) si staglia la voce chiara e cristallina di Ottavia, capace di riprodurre note delicate e taglienti allo stesso tempo, senza cadere nel cliché contemporaneo di volere abbinata a questo genere musicale “vintage” una voce femminile forzatamente graffiata o black/soul.

Tuttavia, forse senza osare del tutto e premere forte sull’acceleratore, sembra mancare quella piena connessione empatica tra voce-testo-musica, quell’atmosfera profondamente intima e confidenziale che il crooner deve evocare per il suo pubblico, lasciando comunque una grande aspettativa per l’evoluzione di questo progetto musicale.

Tracklist:
1)    In una notte
2)    Donna d’altri tempi
3)    Infondo
4)    Abbassa la tua radio
5)    Il mio cuore va e lo perderò
6)    Ero una rosa
7)    Solo per andare
8)    Non pensare mai alla morte
9)    L’ultima volta
10)    Il cacciatore

Pro

Contro

Scroll To Top