Home > Recensioni > Palace Terrace: Flying Through Infinity
  • Palace Terrace: Flying Through Infinity

    Palace Terrace

    Loudvision:
    Lettori:

Proprio non ci siamo

Lion Music: ovvero, prog e dintorni. Purtroppo però, se in passato abbiamo constatato come la label in questione abbia lanciato delle vere perle (Freak Neil Inc. su tutti), questa volta il buco nell’acqua assomiglia ad un cratere. Questi Palace Terrace sono, di fatto, un progetto solista del chitarrista dei Ring Of Fire, George Bellas, accompagnato dal batterista Sascha Horn, che vuole (ma non ci riesce) creare un’opera di epic/prog metal che si ricordi nella storia. Invece, ci troviamo di fronte ad una serie di canzoni ostiche sotto ogni punto di vista. Assistiamo a trame vocali complesse ma prive di senso, tentativi non riusciti di emulazione del genio creativo di Daniel Gildenlow dei Pain Of Salvation, qualità della registrazione scadente che annulla l’incisività delle chitarre, troppi fronzoli inutili con tastiere, violini e quant’altro. Come se non bastasse, tutto questo viene applicato su tempi dispari e controtempi complicati per forza e privi di un vero senso logico. Veramente un’esagerazione priva di mordente che, seppur si salva in minuscoli episodi di vera bellezza, per il resto annoia fino alla fine. Consigliato agli estimatori più incalliti, ma con le dovute precauzioni.

Scroll To Top