Home > Recensioni > Panda Bear: Panda Bear Meets The Grim Reaper
  • Panda Bear: Panda Bear Meets The Grim Reaper

    Domino Records / Self

    Data di uscita: 09-01-2015

    Loudvision:
    Lettori:

“Panda Bear Meets The Grim Reaper” è il nuovo disco di Panda Bear, il quinto album in studio per il musicista di origine americana e il quarto pubblicato sotto la bandiera della Domino Records. Continua così l’esperienza solista del musicista degli Animal Collective, che porta avanti il suo stile e la sua ricerca di suoni. Un’elettronica psichedelica, che a primo impatto appare semplice e diretta, ma che nasconde infinite sfaccettature dietro ad ogni  singolo beat.

Nei dischi precedenti Panda Bear aveva sviluppato un suo approccio alla musica ed alla vita, basato su una visione fanciullesca di tutto quello che ci circonda. Come può sopravvivere questa visione fanciullesca, quando noi stessi cominciamo ad avere dei figli o peggio ancora facciamo i primi incontri con la morte?

Ecco che allora nasce “Panda Bear Meets The Grim Reaper”, la risposta di un panda quando si trova davanti alla grande mietitrice. Ascoltando “Mr Noah” sembra di percepire la visione che avrebbe un bambino piccolo davanti alla morte. Una spensieratezza fanciullesca, ma con la consapevolezza che ci sia qualcosa di storto. Ecco spiegati gli uggiolii di un cane lontano. Rumori di sottofondo, che increspano le acque calme dell’esistenza di Panda Bear.

Giochi di parole che trasformano il ricordo della morte del padre causata di un cancro, in una bellisima ballata onirica intitolata “Tropic Of Cancer”.

Un disco psichedelico, che continua nel solco tracciato dai dischi precedenti. Gli anni passano però anche per Noah e l’universo idilliaco da lui creato, comincia a presentare qualche spaccatura qua e la. Questo porta a suoni più scuri, sempre però mitigati dalla sua bellissima voce.

Pro

Contro

Scroll To Top