Home > Recensioni > Pantha Du Prince: Versions Of Black Noise For Pantha Du Prince
  • Pantha Du Prince: Versions Of Black Noise For Pantha Du Prince

    Pantha Du Prince

    Loudvision:
    Lettori:

Tutti per uno, uno per tutti

I tedeschi hanno sempre provato una certa attrazione nei confronti della musica elettronica e delle sue branche.
Hendrik Weber, da crucco qual è, non poteva essere da meno.
Di scuola minimalista e dark ambient, il dj torna a far ascoltare “Black Noise” in una salsa diversa e reinterpretata da artisti della sua medesima linea di pensiero: Lawrence, Efdemin, Animal Collective e tanti altri, per un totale di undici brani di armonie puramente astratte e microhouse.
Tastiere che confondono le menti, suoni campionati a gogo, rumorismi e manierismi ritmici che tessono trame sperimentali sono i pilastri portanti dell’album, ottimo da sentire in un club europeo frequentato da figli di papà.

Coloro che già conoscono le tecniche del tedesco non disprezzeranno la rivisitazione che i colleghi hanno fatto dei suoi lavori autonomamente coerenti.
Chi, al contrario, ne ignorava l’esistenza, potrà approcciarsi timidamente e in modo filtrato alla musica che Weber tanto ama.

Pro

Contro

Scroll To Top