Home > Recensioni > Papa Roach: The Connection
  • Papa Roach: The Connection

    Papa Roach

    Data di uscita: 01-10-2012

    Loudvision:
    Lettori:

Ancora in carreggiata

Sembra passato un secolo dall’epoca d’oro del nu metal, sottogenere di cui i Papa Roach furono manifesto. Per sopravvivere la band è cambiata, nella musica, nel look e nello stile, all’inseguimento discreto delle tendenze dell’industria.

“The Connection” è un tentativo di recuperare un po’ tutto, con una robusta miscela di alt rock/metal, dinamico, duro ma confortevole, dove la voce di Shaddix e i synth uniscono le forze per garantire generose dosi di melodia. Niente aggressioni sonore secche, ma lo stesso impatto giovanile di una volta, con una pioggia di canzoni da gridare ai concerti. Da “Silence Is The Enemy” a “Wish You Never Met Me”, sono numerosi i brani che sprigionano qualche buona vibrazione.

Non si sapeva come il gruppo californiano potesse reagire al relativo declino commerciale. Questo prodotto è una buona risposta: il bilanciamento tra brani più movimentati, parti lente e vie di mezzo, all’interno di “The Connection”, è oculato e l’elettricità prevale sempre, a rimarcarne l’identità. Niente di impressionante, ma viene rinnovato lo spunto per andare ai concerti dei Papa Roach ad agitarsi.

Pro

Contro

Scroll To Top