Home > Report Live > Paradise Lost al Live Club di Trezzo, report live e scaletta

Paradise Lost al Live Club di Trezzo, report live e scaletta

Il 2 novembre si può arrivare tardi al Live Club di Trezzo sull’Adda, non lontano da Milano. I Paradise Lost non cominceranno il loro set prima delle 22. La band spalla, Lucifer dalla Germania, si profonde in uno stoner-doom dalle tinte settantiane finanche nel look e nelle movenze della cantante. L’interesse del pubblico non è al massimo, forse la proposta artistica deve acquisire caratterizzazione?

Dopo il break, gli inglesi salgono puntuali sul palco. Tutti i musicisti sono in pianta stabile nei Paradise Lost sin dagli inizi, fatta eccezione per il batterista “di lusso”, Adrian Erlandsson. Durante lo show, Aaron Aedy si distinguerà per l’incredibile dedizione alla chitarra ritmica – senza nulla togliere alla precisione messa in mostra da Gregor Mackintosh.

C’è da presentare “The Plague Within”, un album ferale, che ha riportato il leone Nick Holmes a ringhiare, non solo a cantare. Al riguardo non c’è nulla da dire – lo stesso Holmes non ama intrattenersi col pubblico – la prestazione dietro il microfono soddisfa i presenti, che paiono ipnotizzati e urlano e acclamano senza muoversi dal proprio posto. Il volume della voce è basso, ma solo nei primi minuti. Gli estratti dal nuovo disco sono ben sette e tutti efficaci in sede live. Certo, lo spazio viene tolto ad altri brani invocati in mezzo al pubblico. Il gruppo cerca comunque di dare rappresentanza alle varie fasi della propria carriera: “The Painless” emerge dal lontano 1991, “Widow” da Icon (1994), “Enchantment” dal capolavoro “Draconian Times” (1995) e così via, fino al pure eccellente “Faith Divides Us – Death Unites Us”, title track dell’omonimo lavoro del 2009.

Si chiude sulle note della dinamica e catchy “Say Just Words”, proveniente dal “periodo di mezzo” del gruppo. La band abbandona il palco in pochi istanti. Il concerto era iniziato meno di un’ora e mezza fa. Che cosa?!

La scaletta dei Paradise Lost a Milano:

No Hope in Sight
Widow
The Painless
Terminal
Erased
Praise Lamented Shade
Victim of the Past
Enchantment
Flesh from Bone
Beneath Broken Earth
As I Die
Requiem

Encore:
Return to the Sun
Faith Divides Us – Death Unites Us
An Eternity of Lies
Say Just Words

Scroll To Top