Home > Recensioni > Parallel Or 90 Degrees: A Can Of Worms
  • Parallel Or 90 Degrees: A Can Of Worms

    Parallel Or 90 Degrees

    Data di uscita: 16-01-2009

    Loudvision:
    Lettori:

L’eroe negativo

Per quanto noti siano stati i The Tangent, non altrettanto vale peri i Parallel Or 90 Degrees, originaria band del duo tastieristico Andy Tillson e Sam Baine. La formazione britannica di progressive rock, fondata nel 1996, ha prodotto sino al 2001 ben cinque album fortemente acclamati dalla critica, per poi sciogliersi quando oscurata dalla stella dei The Tangent, con le sue melodie bucoliche e di largo consenso.

Band borderline, tra il rock ed il progressive, con sporadici elementi metal, contaminata da idee psichedeliche, AOR, jazz e blues, i PO90 hanno firmato per la ProgRock la loro dichiarazione di intenti per un ritorno in grande stile. Il doppio greatest hits in commento, infatti, offre una sommatoria della passata esperienza, con trenta minuti di inediti (5 tracce che avrebbero dovuto far parte di un album del 2002, mai uscito) ed una versione di “Blues For Lear” con la chitarra e la voce di Roine Stolt.

La raccolta, che non segue un ordine cronologico di uscita – con ciò evitando lo spiacevole effetto “fasi” (immaturità, acmé, affievolimento) – riesce a porre l’accento sulla personalità contraddittoria e non definita dei PO90, se vogliamo anche anti-mercato, a tratti ancora immatura.
In evidenza, purtroppo, la differente produzione che caratterizza i diversi brani, benché non partoriti in epoche assai distanti tra loro.

L’acquisto dell’album è, tuttavia, l’unico modo per mettere i denti su alcune composizioni ormai uscite, inspiegabilmente, di stampa e, così, accedere informati alla seconda fase della vita della band.

Scroll To Top