Home > Recensioni > Passenger: Whispers
  • Passenger: Whispers

    Sony Music / none

    Data di uscita: 10-06-2014

    Loudvision:
    Lettori:

A volte scrivere canzoni è soprattutto un bisogno, e allora può capitare di scriverne tante, tantissime. Addirittura seicento in ventisette anni di vita secondo i calcoli di Mike Rosenberg aka Passenger, che a due anni di distanza dalla pubblicazione del suo capolavoro “All The Little Lights” torna con “Whispers”, nuovo album di inediti in uscita per la Sony. Due anni durante i quali il cantautore britannico non se n’è certo stato con le mani in mano, visto che il tour iniziato nel 2012 è proseguito da un continente all’altro senza mai praticamente fermarsi. Ed è in buona parte nel corso di questi due anni in viaggio, tra un concerto e un’esibizione in strada, che Mike scrive le canzoni del nuovo disco.

 

“Whispers” è una conferma: è l’opera di un cantautore maturo, che sa ormai equilibrare perfettamente la musica con le parole, nonché adattare il suo inconfondibile timbro vocale alle caratteristiche di ogni pezzo. “Whispers” è l’opera di un viaggiatore di professione, che sa fare tesoro di ogni incontro, di ogni esperienza e di ogni emozione, e da buon menestrello sa poi immortalarle mettendole in rima. Ma “Whispers” è soprattutto l’opera onesta e sincera del busker che Passenger non ha mai smesso di essere.

Pro

Contro

Scroll To Top