Home > Recensioni > Pavla Mikulasova: Timeless

Tempo cortissimo

Pavla Mikulasova è una pianista e vocalist proveniente dalla Repubblica Ceca – Jesenik, per la precisione -.
La musica all’inizio era un gioco per lei: prima il canto da dilettante, poi le lezioni di pianoforte, quelle serie. Solo all’età di nove anni, quando conobbe Vladimira Krepelkova, le si aprì un nuovo cosmo grazie all’incontro con l’opera di Bartók.

Da quel momento in poi Pavla comprese che il segreto della composizione non erano le note, bensì la capacità espressiva e di comunicazione dell’artista.

Ora la donna, affiancata da Federico Maria D’Angelo e Massimo Bandiera, sta per presentare al mondo l’album d’esordio. “Timeless” non è altro che un biglietto da visita sottoforma di ballata per pianoforte al chiaro di luna, con archi e tastiere dalle reminescenze gotiche.

In soli due minuti e cinquantanove secondi il teaser esprime con lucidità e limpidezza le intenzioni di Pavla: costruire trame che mirino al covo dei sentimenti di chi ascolta, riallacciandosi alla tradizione classica e contemporaneamente a quella moderna.
“I suoni e le parole sono nate dal mio passato e si mischiano al futuro”, dichiara ella stessa.

Pro

Contro

Scroll To Top