Home > Recensioni > Pet Shop Boys: The Most Incredible Thing
  • Pet Shop Boys: The Most Incredible Thing

    Pet Shop Boys

    Loudvision:
    Lettori:

Storia in musica

Sono lontani i tempi delle meraviglie chiamate “Domino Dancing” o “Always On My Mind”, eppure i Pet Shop Boys non hanno dimenticato il loro saper fare musica neanche quando progettano un’idea colossale come “The Most Incredible Thing”.

Album doppio, nato da una idea di Ivan Putrov, ex ballerino che chiede al duo inglese di produrre musica per accostarla a una coreografia da presentare nei teatri. Stuzzicati dall’idea, Neil e Chris, trasformano in musica la storia dello scrittore danese Hans Christian Andersen.

Ed è qui che i Pet si sbizzariscono, con l’aiuto della Wroclaw Score Orchestra, passando da momenti dance a registrazioni di strumenti a fiato che esaltano ogni minima percezione soddisfatta da questo gruppo ormai fin dai primi anni ’80.

Potrebbe essere la consacrazione definitiva dei Pet Shop Boys anche se già occupano di sicuro un posto d’onore dell’olimpo musicale da molto tempo.

C’è da chiedersi se un album doppio così articolato e studiato riesca a entrare nel misero tempo rimasto a chi ascolta realmente musica. La durata così prolungata può comportare un ascolto spezzettato, conseguenza non consigliata per non perdere il filo musicale che vive di una sua storia legatissima fin dall’inizio dell’album.

Rimane di sicuro la maestria musicale che “The Most Incredible Thing” conferma sempre più.

Pro

Contro

Scroll To Top