Home > Recensioni > Pharrell Williams: GIRL
  • Pharrell Williams: GIRL

    Sony Music / none

    Data di uscita: 04-03-2014

    Loudvision:
    Lettori:

Cosa sarebbe il mondo senza donne? Pharell Williams ha la risposta a questa domanda esistenziale con il suo nuovo disco chiamato, non a caso, “GIRL“. Si tratta del suo secondo album da solista dopo “In My Mind” (2006). “GIRL” è uscito in vista della festa della donna in omaggio al gentil sesso, e al suo interno contiene anche “Happy”, il singolo che ha fatto ballare il mondo intero, nonché colonna sonora del cartone animato “Cattivissimo Me 2″. Insomma, Pharrell ce l’ha messa tutta per aggiudicarsi il titolo di popstar tra le più ascoltate del momento. Il falsetto per Pharrell diviene una sorta di punto di forza soprattutto in “Hunter”, canzone che rimanda molto alle musiche degli anni ’70.

Definirlo “femminista” non è il termine adatto. Pharrell voleva semplicemente concedere spazio al mondo femminile, dedicando loro un intero disco. Ne viene fuori l’idea che un po’ tutti ci siamo fatti del cantante: allegro e con una personalità tale da conquistare la simpatia dei fan. Dieci tracce che rendono l’idea di appartenere alla stessa famiglia, ma si nota qualche differenza l’una dall’altra, ad esempio “Gust Of Wind” sembra a tratti elettronica. “Lost Queen” mi ha fatto quasi addormentare per poi risvegliarmi con “Know Who You Are”, nel duetto con Alicia Keys. Poteva risparmiarci la comparsata di Miley Cyrus in “Come Get In Bae”. “Happy” c’entra ben poco con il resto del disco, e per me è la migliore.

Pro

Contro

Scroll To Top