Home > Recensioni > Pink Martini: A Retrospective
  • Pink Martini: A Retrospective

    Pink Martini

    Loudvision:
    Lettori:

Musica D.O.C.

Non un best of ma una retrospettiva, in piena conformità all’ispirazione che nel 1994 portò il pianista Thomas Lauderdale a fondare Pink Martini ovvero l’orchestra più pazza del mondo, proveniente da Portland, patria dell’eclettismo musicale.

In questo lavoro cantano in tanti, da Saori Yuki a Gus Van Sant e non importa la lingua; che sia inglese, francese, spagnolo, italiano, giapponoese, la musica accoglie e coinvolge. Si suonano jazz, bossa nova, canzone popolare, pezzi adattati e reinterptretati.

Il progetto Pink Martini è universale senza essere globale. In mezzo a tanti tentativi falliti di fondere lingue e generi la musica di questa orchestra è tra le poche a possedere la denominazione di origine controllata, per competenza e accuratezza filologica

Dopo sei album in studio “A Retrospective” contiene tredici successi più otto inediti tra cui il remix di “Una Notte A Napoli”. Si passa dalla freschezza di “Hey Eugene” all’esplosività di “Donde Estas Yolanda” e “Mas Que Nada”. Bellissima la versione di “Anna” che noi (ri)conosciamo grazie all’indimenticabile ballo di Silvana Mangano che accompagnava la canzone nell’omonimo film di Alberto Lattuada.
Chi non conosce Pink Martini avrà modo di innamorarsene al primo ascolto. Gli amanti di vecchia data rinnoveranno invece l’incanto per questa donna di mondo che ha viaggiato tantissimo, si è contaminata arricchendosi ed è ancora estremamente bella.

Pro

Contro

Scroll To Top