Home > Recensioni > Pitbull: The Boatlift
  • Pitbull: The Boatlift

    Pitbull

    Data di uscita: 27-11-2007

    Loudvision:
    Lettori:

Go Girl!

Terzo disco per il cubano-americano Pitbull, pupillo del pioniere della crunk e bass music, Jonathan Mortimer Smith, qui presente come produttore ed ospite. È un capitolo che segna un punto d’incontro tra la musica raggaeton di stampo portoricano, uno stemperamento su dei ritmi latini, ed un melting pot con hip-pop e Rock’n’Blues da dance-floor. “The Boatlift” è radicalmente meno etnico, e più commerciale dei precedenti lavori, argomento che va a detrimento più che a vantaggio di un musicista che avrebbe trovato il suo statuto di personalità proprio nelle radici del raggaeton e del crunk ma che molto spesso indugia sulla patina superficiale dell’entertainment fermandosi lì.
Club music dalla drum machine incessante accompagnano lo slang ‘spanglish’ di Pitbull, talvolta un vero vortice-febbricitante rimario umano, come ne “The Anthem” e “Ying & The Yang” che con successo si fonde con l’animo latino. La più famosa “Secret Admirer”, insieme a “Tell Me”, fallisce l’esplorazione del terreno straniero della ballad mid-tempo, come avviene per la maggior parte dei casi. Compensano divertenti brani dall’appeal sensuale molto spiccato, “Go Girl” e “Dukey Love”, mentre la sequenza di ospitate è talmente vasta da inflazionare il tutto. Risaltano su tutti le feature di Trina sulla già citata “Go Girl” – senza eccesso -, Trick Daddy e Twista nella compulsiva “Candy Man” che condivide con “Poquito” la qualità di essere trascinante, hook da dancefloor per definizione.
La produzione sembra la principale preoccupazione dell’intero lavoro, sebbene spesso lo spettro dei suoni si limiti alla ritmica, all’elettronica ed alle parabole sonore di flauti e bassi – “Ying & The Yang” su tutte – . In mezzo a quant’altro si può trovare nel disco, appare solo l’evidente mestiere ed un’esperienza che per Pitbull sono in primo piano rispetto al rapping più viscerale, assente o sottotono in questa release un po’ a metà tra un party-album e club music americana.

Scroll To Top