Home > Interviste > Pixie Lott: Piccole cantanti crescono

Pixie Lott: Piccole cantanti crescono

Lei è la giovanissima stella nascente del panorama pop inglese e il suo singolo “Mama Do” è sicuramente una delle canzoni più ascoltate di questa estate.
Con queste interessanti prerogative LoudVision ha incontrato Pixie Lott durante uno showcase tenutosi al D&G Building di Milano.
Prima dell’intervista Pixie si è esibita in un duo voce/chitarra acustica nel quale ha saputo far trasparire tutto il calore di una voce ispirata al soul.
In questo senso il singolo “Mama Do” è solo un assaggio di ciò che sono le sue capacità.
Attendiamo quindi di ascoltare il primo album (previsto per il 14 settembre) per scoprire meglio questa giovane cantante.
Intanto ecco cosa ci ha raccontato di se stessa.

Quando hai iniziato a cantare?
Non ricordo di aver mai pensato di cantare, la mia famiglia non è affatto musicale: nessuno sapeva cantare o suonare uno strumento, ma io ballavo sempre in casa e cantavo per la mia famiglia.
Poi quando avevo circa 11 anni ho scoperto che si poteva salire su un palco dove potevi cantare, fare i compiti di scuola, suonare, ballare e recitare davanti ad un pubblico. Così ho iniziato a sviluppare l’idea di quello che avrei voluto fare, anche se era molto diversa da ciò che faccio ora: non era musica pop ma era più un “teatro musicale”. Ad ogni modo, questa esperienza mi ha insegnato a esibirmi, a stare con la gente, insomma a stare nel mondo dello spettacolo.

Questo è uno showroom di D&G e tu sei una ragazza…come ti senti? Ti piace la moda?
La adoro, ho sempre amato i trucchi, la moda, lo stile. Mi piacciono gli stilisti come D&G, Chanel, Gucci. Mi piace molto il vintage e mescolare pezzi di stili diversi. Mi piace anche fare shopping per le vie di Londra, nelle catene inglesi tipo Top Shop.
Vado matta per gli accessori, adoro i bracciali, ne porto sempre tantissimi e di solito mi piace comprarli nelle località che visito. Per esempio ne ho preso uno ad Amsterdam, uno in Norvegia, uno a Roma ieri e ne devo prendere uno a Milano oggi.
Cos’altro mi piace? Gli shorts, gli stivali (li indosso sempre), i blazer, le giacche…

Quali sono le tue influenze musicali?
Mi ispiro a tutti i grandi artisti, le grandi dive: potrei nominare Mariah (Carrey) e Christina (Aguilera). Ho sempre amato Stevie Wonder, Otis Redding, Aretha Franklin, Roberta Flak, Alicia Keys, questo genere di musica black.

Sei molto giovane e sei diventata famosa in breve tempo. Che effetto fa? Cosa pensi dell’essere famosi?
La fama può essere eccitante e piuttosto divertente ma qualche volta ci sono degli aspetti negativi. Per esempio quando è uscito il mio primo singolo nel Regno Unito, nella settimana in cui era al primo posto in classifica, i paparazzi mi seguivano sempre; quella settimana è stata molto intensa e stressante perché era una cosa nuova per me e non me l’aspettavo.
Un giorno sono uscita di casa in pigiama, con gli occhiali, spettinata e i paparazzi erano fuori da casa mia e io ho pensato “Oh no!! Non me l’aspettavo!!”. Adesso ho imparato qualcosa: cerco di non uscire di casa se non sono molto curata nel look!

Di cosa parli nelle tue canzoni?
Le mie canzoni trattano temi diversi, alcune parlano di esperienze personali, altre sono ballabili, dance, altre sono ballate romantiche. Credo sia una buona combinazione di stili diversi.
Ho scritto la maggior parte delle canzoni di questo album, perché penso sia importante per un artista dare la propria impronta.

Nella tua musica si possono sentire diversi stili musicali, come mai questa scelta?
A volte quando ascolto un album di un artista che mi piace, mi annoio perché tutte le canzoni sembrano uguali.
Le canzoni del mio album invece sono tutte differenti e non ci si annoia ascoltandolo.
Non c’é un solo stile nelle mie canzoni, certo hanno tutte un’anima pop ma alcune tracce sono state influenzate da sonorità R&B, altre sono più retro altre ancora influenzate da suoni contemporanei.

Cosa ne pensi di Milano? Ti piace la città?
Sono scesa dall’aereo per andare subito all’hotel e poi direttamente qui. Oggi non ho ancora visto molto della città… ho visto solo dei bei palazzi.
Invece ieri a Roma ho avuto un po’ di tempo per girare e ne sono rimasta affascinata. Gli edifici sono bellissimi, il tempo è stato fantastico, ho addirittura preso il sole in piscina! Mi sono proprio divertita ieri e adoro l’Italia. Vorrei ritornarci presto.
Tra l’altro io sono un po’ italiana, ho dei parenti in Italia: mio nonno è di Verona. Mia madre è per metà italiana, quindi anch’io sembro un po’ italiana!

Ti è mai capitato di svignartela da casa di nascosto, come accade nel tuo video?
Si, l’ho fatto, come tutte le ragazze di 18 anni, penso. Ma non ho un ragazzo al momento, esco con gli amici.
Una volta ho detto a mia madre che sarei andata a casa di un’amica e invece siamo andate in discoteca. Pensavo che mia madre non l’avrebbe scoperto. Poi un amico ha postato su Facebook una fotografia della serata in cui c’ero anch’io, mia madre l’ha vista e così mi ha beccata!

Tua mamma è tra i tuoi amici di Facebook?!
Sì!

Cosa vuol dire diventare una cantante professionista?
Come in tutte le cose, devi mettere in conto molti sacrifici se vuoi aver successo in questa carriera specialmente alla mia età.
Ci sono, ovviamente, molte feste, si esce comunque con gli amici, ma io ho iniziato a stare in studio di registrazione da quando avevo 13-14 anni; andavo a scuola durante la settimana e il fine settimana ero in studio quindi se gli amici mi chiedevano di uscire io rispondevo che non potevo perché dovevo cantare. Ho fatto molti sacrifici, sebbene non possa dire di aver perso molto della mia adolescenza.
Vedo ancora i miei amici, quando ho tempo esco con loro, specialmente quando torno a casa, ma in questo periodo sono molto impegnata quindi non li vedo molto.

Cosa ci puoi dire dei tuoi impegni futuri?
Dopo questo periodo di promozione in Europa andrò in Giappone, Australia, Nuova Zelanda, Malesia… in molti posti bellissimi.
A settembre uscirà il mio nuovo singolo e prima di Natale ne uscirà un altro.
Poi andrò in America per qualche tempo e dopo, si spera, partirà il mio tour. Non vedo l’ora!

Nonostante la giovane età Pixie ha dimostrato, soprattutto nell’esibizione dal vivo, di essere pronta a dire la sua nell’affollato mondo della musica pop.
Forse i singoli “Mama Do” e “Boys And Girls” dicono poco ma ci auguriamo di poter apprezzare e comprendere meglio le sue capacità artistiche nelle varie canzoni del suo album.

Scroll To Top