Home > Recensioni > Pollio: Humus
  • Pollio: Humus

    Maciste Dischi / Alabianca

    Data di uscita: 04-11-2016

    Loudvision:
    Lettori:

Humus”, in uscita per Maciste Dischi / Alabianca, venerdì 4 novembre 2016 è il primo disco da solista di Fabrizio Pollio. L’ex-frontman degli IO?DRAMA, la rock band alternativa milanese presente sulla scena musicale italiana dal 2004, questa volta ci presenta un materiale altrettanto interessante ma decisamente più maturo e allo stesso tempo fresco.
I testi hanno qua decisamente un ruolo di primo piano, intelligenti con un’ironia sottile e con altrettanto sottili riferimenti alla religione, filosofia e letteratura. Tra i giochi di parole c’è qua frustrazione, c’è critica della società ed autocritica, ma ci sono anche momenti di leggerezza e tutto questo senza mai trascurare le melodie. In questo senso “Humus” è un album particolarmente ricco – è qui presente di tutto: qualcosa per soddisfare i gusti dei fan degli IO?DRAMA (“Le vite degli altri”), un brano che potrebbe tranquillamente conquistare le classifiche commerciali (“Nessun Dogma”), un po’ di energia folk (“Incompiuta”), fino al romanticismo da cantautore da altri tempi (“Sospesa”). Sorprendente la versatilità della voce di Pollio che passa dalla malorecitazione-quasi-rap in “Il figlio malpensante” fino al grido emozionante del finale di “La comparsa”.

I risultati di una tale mescolanza potevano essere, alternativamente, o caos oppure qualcosa di davvero interessante. Il titolo del disco, “Humus”, effettivamente, vuol dire “suolo”, è in questo caso direi che si tratta di terra fertile.

Pro

Contro

Scroll To Top