Home > Recensioni > Posto Di Blocco: Ricordi Distratti
  • Posto Di Blocco: Ricordi Distratti

    Posto Di Blocco

    Data di uscita: 01-01-2011

    Loudvision:
    Lettori:

Distratti

Con “Ricordi Distratti” gli alessandrini Posto Di Blocco fanno il proprio esordio in società. Si presentano duri e incazzati. Cantano in italiano e spesso ci fanno ritornare alla mente gli ’80 e ’90 di Litfiba e Timoria, con una retrogusto un po’ hardcore punk e un po’ metallaro.

Di “Ricordi Distratti” ci piacciono le chitarre, mentre non ci piacciono – e perdonateci la sincerità – i testi. Che non funzionano né ritmicamente né dal punto di vista della comunicazione: un po’ troppo adolescenziali i temi, un po’ troppo poco curata la prosa, un po’ troppo poco efficace il risultato. E se, tolti i testi, i brani si fanno apprezzare per le idee, il suono risulta invece penalizzato da una produzione chiusa, soprattutto nella scelta dei suoni di batteria.

Le idee ci sono, ma sono in generale ammazzate da testi che sembrano buttati giù nel giro di un minuto e che non lavorano abbastanza sulla comunicazione di un significato.
Che i Posto Di Blocco abbiano sbagliato mestiere, lo possiamo escludere. Ma possiamo anche consigliare di lavorare ancora un po’, magari con più spontaneità e senza voler ricercare l’effetto aulico a tutti i costi che, quando non riesce, più che innalzare ridicolizza.

Pro

Contro

Scroll To Top