Home > Rubriche > Ritratti > Pro-li-fi-ci-tà!

Pro-li-fi-ci-tà!

“Where the guy finds the time, I have no idea” scrive Rich Kroneiss recensendo su Terminal Boredom uno degli ultimi lavori di Ben Cook. C’è effettivamente da sbalordire di fronte alla lista di collaborazioni e pubblicazioni del canadese: arrivato al successo come cantante del gruppo HC No Warning, si è ripetuto come chitarrista dei celebri Fucked Up, ha dato vita al progetto Bitters assieme ad Aerin Fogel, suona power pop nei Marvelous Darlings ed ha un solo project a nome Young Governor. Con ognuno di questi gruppi Cook ha sfornato, sforna ed è in procinto di sfornare un’alta quantità di dischi, senza contare le collaborazioni con altre band in fase di registrazione o produzione. Dove il ragazzo trovi il tempo, neanch’io ne ho idea.

Soffermiamoci sul progetto personale di Cook a nome Young Governor. In un paio di anni o poco più ha pubblicato qualcosa come sette o otto singoli, anche se questo ormai non dovrebbe più stupire. A sorprendere è invece la qualità media della proposta: la presumibile rapidità di scrittura del ragazzo non va affatto ad influire sul valore dei risultati, così che ci troviamo in mano un buon pugno di brani in cui si condensa un intero universo musicale. Veri e propri “Bedroom Disasters”, registrazioni casalinghe di ottima fattura. Non si spinge troppo sul pedale lo-fi, la voce aggressiva e fortemente caratterizzante di Cook si sposa a perfezione con le sonorità scelte. Chitarra in mano, il giovane fa grandi cose.

Plastic Idol, Parts Unknown, Dirtnap, Southpaw, Criminal IQ e Tic Tac Totally: queste sono solo alcune delle etichette che hanno deciso di pubblicare lavori di Mr Cook, cosa che la dice lunga sul valore delle sue proposte. Ogni singolo a firma YG uscito fino ad oggi merita quanto meno un ascolto: c’è da divertirsi sia quando il ragazzo spinge sul versante pop, sia quanto sigilla gemme di punk wave nervoso ed elettrico. Per iniziare proponiamo “Call Me When The Cat Dies” e “Virginia Creeper”, ma la scelta è ampia. Siamo impazienti di sentire un lavoro in full length per sancire definitivamente il successo del ragazzo; il talento c’è, il tempo libero pure, evidentemente.

Scroll To Top