Home > In Evidenza > Il programma di Oltre lo specchio, il nuovo festival dell’immaginazione di Milano

Il programma di Oltre lo specchio, il nuovo festival dell’immaginazione di Milano

Correlati

Un viaggio Oltre lo specchio,  come Alice, «per andare oltre il qui e ora e costruire uno spazio in cui l’immaginazione possa ritrovare centralità».

È questo in nome scelto per il nuovo festival dell’immaginario fantastico e di fantascienza che si terrà a Milano dal 5 al 12 giugno, proponendo un ricco programma di proiezioni in lingua originale con sottotitoli italiani e numerosi incontri interdisciplinari dedicati all’immaginazione in tutte le sue forme.

«Un festival di cinema che vuole dialogare e entrare in contatto con tutte le realtà del genere» ha spiegato il direttore artistico Stefano Locati, che ha presentato alla stampa il progetto insieme al direttore organizzati Antonio Termenini e Andrea Chimento di LongTake.

Organizzato proprio dal Cineforum Robert Bressondi cui Termenini è presidente, e realizzato in collaborazione con LongTake Film Tv Lab, con il contributo di Regione Lombardia e Fondazione Cariplo e il patrocinio di Comune di Milano, Oltre lo specchio è pensato come un evento popolare che possa attrarre un maggior numero di persone in un momento di grave crisi di accesso alle sale.

«Il festival nasce con l’obiettivo di mettere in contatto con tante realtà, anche non legate al cinema, al fine di portare tante persone, soprattutto tanti giovani, in sala e nei luoghi dell’evento, con l’ambizione di trovare uno spazio nuovo a Milano su un tema di genere» ha spiegato Termenini.

Oltre lo specchio si svolgerà, infatti, in diversi poli culturali disseminati in tutta Milano: il cinema Arcobaleno (Viale Tunisia 11) e il cinema Palestrina (Via G.P. da Palestrina 7), dove si terranno le proiezione; il MIC – Museo Interattivo del Cinema (Viale Fulvio Testi 121) e FilmTv Lab (Via S. Giovanni alla Paglia 9), dove avranno luogo panel, workshop e eventi collaterali.

Conferenza stampa. Andrea Chimento, Alberto Termenini e Stefano Locarli

Conferenza stampa. Andrea Chimento, Antonio Termenini e Stefano Locati

Le proiezioni

Sono 17 opere le opere inedite e in anteprima in concorso, 11 titoli nelle sezioni collaterali e 26 cortometraggi provenienti da 25 paesi di 4 continenti..

Stefano Locati ha presentato il ricco programma, composto da opere in grado di trattare la fantascienza e fantastico in senso ampio. «L’importante, per noi, è che al centro dell’opera ci fosse un concetto forte di immaginazione» ha detto Locati.

Sono tre le sezioni di cui si comporrà Oltre lo specchio: il concorso Cinefuturo; Piccoli futuri, sezione dedicata ai film più spettacolari e di maggior attrattiva per le nuove generazioni; Illuminazioni, dedicata alle opere sperimentali.

Nel corso della manifestazione verranno, inoltre, assegnati quattro premi, al miglior film, ai migliori effetti speciali, alla miglior regia e il premio del pubblico, a sottolineare la natura popolare di Oltre lo specchio.

Il Festival si aprirà mercoledì 5 giugno alle 19.30 al Cinema Arcobaleno, con la proiezione in anteprima europea “The Knight of Shadows: Between Yin and Yang” di Vash (nella sezione Piccoli Futuri, distribuito in seguito da Minerva Pictures). Si tratta dell’ultimo film di Jackie Chan, che interpreta una scrittore di fiabe alle prese con il mondo degli spiriti nell’antica Cina.

Alle 21.30, sempre nella stessa sezione, sarà la volta di “Endzeit – Ever After di Carolina Hellsgard, un film di zombi tedesco capace dare un taglio nuovo al sottogenere. Il film è tratto da un graphic novel di Olivia Vieweg.

Nei giorni successivi, il concorso CineFuturo proporrà, tra i tanti titoli, l’anteprima mondiale di un film italiano, “Il cerchio delle lumache” di Senesi Michele, breve riflessione sulla fine della vita di un uomo, durante i suoi ultimi momenti di vita.

Nella sezione Illuminazioni sarà proiettato il fantascientifico “High Life di Claire Denis con Robert Pattinson e Juliette Binoche, opera presentata al Festival di Torino, ma che agli organizzatori hanno voluto riproporre, per permettere al pubblico di vederlo in sala. Il film, infatti, non ha ancora trovato una distribuzione italiana.

La chiusura di Oltre lo specchio, mercoledì 12 giugno al Cinema Arcobaleno, sarà affidata a “Kin” di Jonathan & Joss Baker, con Zoe Kravitz e James Franco (distribuito in agosto cinema con Leone Film Group) e “Perfect”, opera d’esordio di Eddie Alcazar prodotta da Steven Soderbergh. Si tratta del racconto allucinato della cammino di guarigione di un giovane in crisi esistenziale, con forti richiami al cinema della Nuova Carne di David Cronenberg.

 

Endzeit di Carolina Hellsgard

Endzeit di Carolina Hellsgard

Gli incontri

Tra  eventi collaterali (a entrata gratuita, da giovedì 6 a domenica 9 giugno al MIC e Film Tv Lab), saranno previsti incontri che spazieranno tra le discipline, dalla televisione alla letteratura, dall’architettura all’urbanistica, dalla tecnologia all’ambiente.

Giovedì 6 maggio al MIC si comincerà alle 18,30 con un omaggio alla serieIl trono di spade”, dedicato alla riflessione critica su come abbia cambiato la percezione del fantastico e fantasy seriale. Interverranno i critici Stefania Carini e Andrea Fornasiero e lo scrittore e traduttore Edoardo Rialti.

Venerdì 7 giugno, sempre al MIC alle 18.30, si terrà un incontro dedicato a “Il cibo del futuro tra fantascienza e realtà”, in collaborazione con Fondazione Umberto Veronesi proporrà l’incontro “Il cibo del futuro tra fantascienza e realtà”. Inoltre, alle 21.00., il sito da combattimento I 400 calci parlerà di “Le città del futuro di menare”, ovvero come il cinema di genere abbia modificato la nostra percezione degli spazi.

Sabato 8 giugno, gli incontri al MIC saranno dedicati alla letteratura, ai fumetti di genere e al collezionismo, con un incontro sui fumetti Bonelli, la proiezione del documentario “Worlds of Ursula K. LeGuin” di Arwen Curry e, a seguire, una tavola rotonda dedicata alla fantascienza scritta da donne.

Sempre sabato 8 giugno, sarà prevista una maratona notturna presso Film Tv Lab, a ingresso libero con tessera Arci, durante la quale saranno celebrati due grandi anniversari: i 40 anni di “Guida galattica per autostoppisti” di Douglass Adams (per l’occasione, non dimenticate il vostro asciugamano, l’oggetto più utile per un autostoppista galattico!) e di “Alien”, con una maratona dei cult che hanno ispirato il capolavoro di Ridley Scott.

Domenica 9 giugno la giornata al MIC sarà invece dedicata alle serie tv, ai videogiochi e alle nuove frontiere del digitale. Il programma prevede una tavola rotonda sulle serie tv che hanno ispirato generazioni di giovani donne, un workshop sull’illustrazione digitale in collaborazione con Wacom. In seguito, si terrà incontro sugli effetti speciali e VR, in cui Bloodbuster racconterà le Contaminations della sci-fi italiana, e la proiezione dei corti “Game Video Essay”, in collaborazione con Milan Machinima Festival.

Inoltre, al MIC sarà presente un banchetto vendita libri a cura della libreria Il Covo della ladra, specializzata in fantasy, sci-fi e noir e dal 5 al 12 giugno, mostrando il biglietto delle proiezioni presso Bloodbuster (Via Panfilo Castaldi 21), sarà possibile avere il 20% sui libri di “Bloodbuster edizioni”.

Per tutte le informazioni su orari e biglietti vi rimandiamo al sito ufficiale del Festival. Ci vediamo Oltre lo specchio!

Manifesto ufficiale realizzato da The Man Who Drew Too Much

Manifesto ufficiale realizzato da The Man Who Drew Too Much

 

Scroll To Top