Home > Rubriche > Music Industry > Proposte per una riforma del settore

Proposte per una riforma del settore

www.laleggepertutti.it/11630_diritto-dautore-proposte-per-una-riforma Ho spesso preso una posizione a riguardo della necessità di rivedere le norme sul diritto d’autore alla luce delle mutate esigenze, ossia quelle di non rallentare il web e non comprimere le sue libertà.
Tuttavia, a nulla vale criticare un sistema se non si ha una alternativa in tasca.

Ho sempre ritenuto che la legge sul copyright vada cambiata. Cambiata e non abolita. L’arte, senza il diritto d’autore, rimarrebbe solo in forma dilettantistica e gli investimenti, in termini di produzioni e tecnologie, non avrebbero più ragione di essere.
Tuttavia, non v’è dubbio che quando non si può vincere il nemico, ci si debba alleare con esso. Così è necessario coniugare il copyright con le nuove esigenze di condivisione e di utilizzo in forma creativa delle opere altrui. Ostinarsi a pensare che ciò non sia giusto equivale all’atteggiamento di chi, in linea con le dottrine astratte dei manuali, si ostini a ritenere che la forza di gravità non esiste: verrebbe spontaneo suggerire, a questi, di buttarsi dalla finestra per sperimentare quanta differenza c’è tra la teoria e la pratica. La pirateria, e l’impossibilità di controllarla, è un fatto dal quale non si può prescindere nell’opera di revisione delle norme sul diritto d’autore. Da tale ineliminabile circostanza si deve partire. Che piaccia o no.

Senza voler rendere gravosa la lettura di questo articolo, cercherò di individuare sinteticamente quelli che, a mio parere, sono i punti su cui si dovrebbe concentrare il legislatore nell’intento di ammodernare il copyright.

L’articolo prosegue su “La Legge per tutti” a questo indirizzo

Diritto d’autore: proposte per una riforma

Scroll To Top