Home > Recensioni > Psychopunch: Smakk Valley
  • Psychopunch: Smakk Valley

    Psychopunch

    Loudvision:
    Lettori:

Garage Punch

Decimo album per gli svedesi Psychopunch, quartetto dedito al garage punk che mescola influenze vintage e attitudine moderna.
Il sound è composto da riff a base di powerchord distorti, brevi assoli e la voce roca del cantante, supportata da corsi energici. I brani più diretti, come “Back Of My Car” o “My Empty The Head” , sono apprezzabili, mentre quelli più emotivi, ad esempio “Sitting By The Railroad”, sono troppo anonimi per convincere.
Il potenziale c’è, ma, complice una registrazione un po’ dozzinale, non riesce ad emergere.

Gli Psychopunch hanno indiscutibilmente delle capacità, ma sembrano non riuscire mantenere i propri standard. Se tutte le canzoni fossero come “My Empty Head” la band sarebbe da tenere in degna considerazione. Purtroppo però la voglia di suonare moderni e forse più orecchiabili finisce per rendere molti dei brani carini ma facilmente dimenticabili, anche a dispetto di certi buoni spunti melodici.

Pro

Contro

Scroll To Top