Home > Recensioni > Punkreas: Il Lato Ruvido
  • Punkreas: Il Lato Ruvido

    Punkreas

    Garrincha Dischi / edel

    Data di uscita: 22-04-2016

    Loudvision:
    Lettori:

Il Lato Ruvido, è il titolo del nuovo album dei Punkreas. Il disco, contenente dodici tracce, uscirà il 22 Aprile.
Un lavoro discografico che mette in evidenza, soprattutto, l’identità della band. Un’identità ed un aspetto che i Punkreas, fondamentalmente, non hanno mai smarrito.

Le scelte artistiche di questo nuovo album risiedono nell’immagine della band che rispetta le  proprie inclinazioni. Il Lato Ruvido è un disco diretto, istintivo e dall’attitudine live. Ed è quello che i Punkreas sanno fare. La band, infatti, riesce sempre a proiettarsi nelle sensazioni e negli aspetti che interessano il nostro tempo. Soprattutto quegli aspetti che riguardano alcune schizofrenie sociali, prettamente italiane, e ce le raccontano in musica. Il lato ruvido diventa un modo di reagire, la voglia di opporsi, di fuggire, di cercare una via d’uscita da contesti ormai portati all’eccesso, spenti e degradanti come l’attaccamento ai social network, ai talent show televisivi, la sottomissione delle passioni, il creare pregiudizi e alimentare abusi ed ansie sociali.

L’album focalizza i suoi aspetti principali con melodie incisive e motivi costruiti all’interno di riff e groove dal classico stile Punkreas. Intermezzi aggressivi, stop e go, ritmiche efficaci e lineari. Un sound compatto con un carattere musicale ormai consolidato.

I Punkreas ci spronano, forse, con questo disco a togliere fuori il nostro lato ruvido, quello che ci può permettere di svegliarci dal sonno, spesso imposto, di aprire gli occhi, alzare la testa dallo smartphone e cominciare a guardare la strada che si ha davanti, connettersi, una volta tanto, veramente con il cervello.

Pro

Contro

Scroll To Top